I trend del 2018 sono trapianto di barba per gli uomini, rinofiller, rimozione tatuaggi e zigomi a prova di selfie.

Ormai lo sappiamo la chirurgia plastica non è più un tabù e sempre più personaggi famosi, ma anche persone comuni, vi ricorrono senza alcun timore. Ma scopriamo quali saranno i trattamenti più richiesti in questo nuovo anno.

Il 2017 sicuramente è stato un anno in cui la medicina estetica ha fatto conoscere nuovi trattamenti non invasivi in grado di regalare un aspetto naturale, giovane e fresco permettendo il rapido rientro al lavoro, anche in giornata o perché no dopo una pausa pranzo. Quindi al via il “nude look”, con trattamenti di radiofrequenza bipolare, filler all’acido ialuronico e sedute di luce ad infrarossi per stimolare la produzione di collagene, proteina responsabile di una pelle giovane e sana.

Punturine sciogligrasso
Tra le novità anche le punturine sciogligrasso, vere protagoniste di quest’anno; apprezzatissime dal pubblico visto che una semplice permette di distruggere il grasso in eccesso nei punti critici. Questa tecnica viene utilizzata soprattutto per il doppio mento, ma è utile anche per eliminare le famose e tanto odiate maniglie dell’amore o su zone recidive agli accumuli adiposi.

Trapianto di barba
Visto il grande successo di modelli, attori come George Clooney e celebrity con folte barbe, molto gettonato è senza dubbio il trapianto di barba. Sempre più uomini decidono di farsela crescere, ma spesso il risultato non è quello desiderato a causa dei peli che non crescono in maniera omogenea su tutto il viso. Il trapianto risulta così la soluzione più diretta ed efficace con esiti del tutto naturali senza cicatrici.

Addio a macchie e tatuaggi
Macchie causate dal sole o dall’invecchiamento, invece, si eliminano con il Laser PicoWay, un metodo a picosecondi ideale per tutti i tipi di pelle. La caratteristica straordinaria ed innovativa di questo dispositivo è quella di poter rimuovere anche i tatuaggi, un’esigenza sempre più sentita anche dai vip come il famoso tatuaggio, ormai solo un’ombra, di Belen che Le ricordava il suo amore con De Martino.
Nel nostro Paese infatti, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, circa 7 milioni di persone si sono fatte almeno un tatuaggio nella vita; ben il 17,2% ha ammesso di voler eliminare il proprio tatuaggio e di questi il 4,3% lo ha già fatto.
Questa tipologia di laser a picosecondi ha tre diverse lunghezze d’onda ed è efficace anche nella rimozione dei colori più complessi, non lascia esiti cicatriziali o segni visibili e richiede un numero ridotto di sedute, da 4 a 6.

Rinofiller
Infine, richiesto anche il rinofiller, con il quale poter modificare il naso attraverso un’iniezione, senza ricorrere alla reale rinoplastica. Questa tecnica non chirurgica permette di correggere antiestetiche gobbe e piccoli difetti del naso senza bisturi e complicazioni post operatorie. La rinoplastica non chirurgica impone però, un’unica regola: rivolgersi a un medico specialista e affidabile.

NESSUN COMMENTO