Viene chiamato Microneedling e arriva dagli Stati Uniti : la recentissima procedura per il ringiovanimento cutaneo del viso che ha da tempo conquistato personaggi famosi come Kim Kardashian e Penelope Cruz, immagini di bellezza le quali hanno propagato nella rete i loro volti arrossati, tuttavia felici. Grazie ad uno strumento fornito di consistenti minuscoli aghi sterili utilizzabili solo una volta, si fanno dei microfori a spessore regolabile mediante dinamici passaggi del roller sulla faccia. La seduta si realizza in assenza di anestesia oppure con pomata analgesica sedativa. Il Needling è una metodologia nota e apprezzata da tempo, ma la rivoluzione sta nell’apparecchio che consente più facilità d’uso, sia per il chirurgo estetico che per il paziente.Una procedura naturale di ultima generazione la quale bucando in modo superficiale la pelle, consente di accellerare la formazione di collagene ed elastina ridonando vigore e ringiovanimento alle zone stimolate . Le microperforazioni difatti stimolano il nostro corpo a sanare le lesioni con nuove cellule e favoriscono la produzione del collagene.
La cura del Needling è rapida e viene fatta a livello ambulatoriale: indolore e poco invasiva con questa metodologia vengono trattati cicatrici, smagliature, piccole irregolarità cutanee , macchie e rugosità superficiali. Finito il trattamento di Microneedling è comprensibile il riscontro di un arrossamento il quale durerà per 1-2 giorni e che sarà perfettamente copribile con l’abituale trucco. Totalmente sono tre le sedute proposte per il Microneedling, a distanza tra loro quattro o cinque settimane, mentre per l’esito finale bisogna aspettare all’incirca due/tre mesi.
Il Needling potrebbe essere una soluzione alternativa a terapie più aggressive non chirurgiche come laser CO2 o i peeling chimici, ma anche chirurgiche come il lifting del viso e del collo. Importante è la ripresa immediata delle attività quotidiane evitando quindi degenze e allo stesso tempo conseguire allo stesso modo ottimi risultati .

NESSUN COMMENTO